Geeks Academy

IL MONDO DEL FASHION INCONTRA IL METAVERSO

Il 2021 è stato l’anno dell’innovazione, e il mondo del lusso non è rimasto a guardare. Le compagnie più rinomate del fashion hanno gettato le basi per la loro permanenza nel mondo dei metaversi.

IL MONDO DEL FASHION INCONTRA IL METAVERSO

Scopri gli articoli di Geeks Academy su: Blockchain, Coding, Cybersecurity, Cloud, Big Data, Artificial Intelligence, Gaming, Digital Innovation

Aggiornato il 07/01/2022

Lo scorso marzo l'opera "The first 500 Days" di Mike Winkelmann, meglio conosciuto come Beeple, veniva venduta per 69 milioni di dollari dalla casa d'aste Christie's. Oggi, gli NFT ricoprono un ruolo sempre più rilevante in ambito artistico, e il settore della moda non è di certo rimasto a guardare, sposando appieno il mondo blockchain e crypto. Dopo il lancio del Metaverso, avvenuto sotto la forte spinta di Meta, la nuova frontiera commerciale rappresentata dal virtuale è diventata infatti un’occasione ghiotta per tutti, e il mondo del lusso non fa eccezione. Secondo una ricerca condotta da Morgan Stanley, il mercato del Metaverso potrebbe arrivare a valere oltre 50 miliardi di dollari entro il 2030, il che lo rende davvero appetibile. Il 2021 è stato l’anno definitivo per l’approdo dell'industria del fashion nel mondo NFT. Ecco dunque un breve riepilogo dei progetti più interessanti portati avanti da alcuni dei brand della moda più importanti. 

Gucci
Sulle orme del grande artista Beeple, tra maggio e giugno 2021 Gucci ha promosso la sua nuova collezione Fall/Winter 2021 presentando all’asta Proof of Sovereignty di Christie’s il suo primo NFT. Si tratta del fashion film "Aria", un cortometraggio di 4 minuti co-diretto da Alessandro Michele, direttore creativo del brand, e dalla pluripremiata fotografa e regista Floria Sigismondi. Al termine del periodo di vendita, il nuovo concetto d'arte incarnato dagli NFT ha portato a un guadagno di circa $25.000. La Road Map verso l'innovazione di Gucci però non termina qui. Nello stesso mese il brand ha infatti inaugurato un’importante iniziativa focalizzata sulle sneakers digitali, che ha riscosso un successo inaspettato, vendendo in brevissimo tempo tutti i 600 di paia di scarpe virtuali realizzati per un valore di circa 3 milioni di dollari. Inoltre, in occasione del suo 100° anniversario, Gucci ha stretto una partnership con Roblox, entrando così a tutti gli effetti nel mondo del Metaverso.

Burberry
Burberry ha lanciato i suoi primi NFT grazie alla collaborazione con Mythical Games. La collezione NFT, lanciata all’interno del videogioco Blankos Block Party, è andata sold out in poche ore e si compone di 750 pezzi con protagonista il simpatico Sharky B. Successivamente, il brand ha collaborato con Honor of Kings, il MOBA (Multiplayer Online Battle Arena) cinese targato Tencent che conta più di 100 milioni di giocatori in tutto il mondo. Per Honor of Kings, Burberry ha realizzato una serie di skins acquistabili dai giocatori per adornare i propri personaggi con outfits all’ultima moda. In questo modo, Burberry ha portato il proprio marketing a un nuovo livello, che permea anche il mondo digitale e i metaversi.

Louis Vuitton
Dopo la partnership del 2019 con il popolare e-sports game League of Legends e la casa Riot Games, la maison francese Louis Vuitton ha manifestato un rinnovato interesse per il mondo digitale proponendo un proprio videogioco a tema storico che ripercorre la nascita del brand con la storica mascotte Vivienne. Il 200° anniversario del marchio è stato omaggiato anche dalla collaborazione artistica con Beeple, il quale si è prestato alla costruzione dei 30 NFTs presenti all’interno del gioco. 

Dolce&Gabbana
Dolce & Gabbana ha invece sfruttato l'evento Alta Moda 2021, tenutosi nella splendida cornice di Venezia dal 28 al 30 settembre, per lanciare la sua collezione Non-Fungibile dal nome “Genesi”. La collezione, composta da nove capi unici, cinque dei quali hanno anche un corrispettivo “fisico”, è la prima ad essere a cavallo tra il mondo digitale e quello reale. Realizzata in collaborazione con UNXD, casa d'aste per opere digitali di lusso e cultura, la collezione ha attirato l’attenzione di investitori del calibro di Pranksy, Seedprhase e Boson Protocole Red DAO, ed è stata venduta secondo il modello NFT per l’incredibile cifra di 1885,73 ETH, corrispondente a circa 6 milioni di dollari al cambio attuale. 

MetaGala 
Ed è proprio a metà strada tra il fisico e il virtuale che vogliono porsi Wazir X, con il suo evento FDCI x Lakmè Fashion Week, e la Crypto Fashion Week 'Meta Gala',  un crossover che introdurrà l'industria indiana nel mondo dei metaversi sotto la guida dello stilista Manish Malhotra, provando a rivoluzionare completamente l'esperienza in passerella. A confermare, il commento entusiasta del creative designer Bollywoodiano:

“Gli NFT rappresentano un punto di svolta completo, e sono qualcosa che l'industria indiana deve assolutamente tenere in considerazione e verso cui deve orientarsi. Lancerò i primi NFT di design in India su Wazir X Marketplace, e avvierò questa iniziativa attraverso la FDCI X Lakme Fashion Week. Spero che la mia partecipazione incoraggi più designer e artigiani a esplorare e sfruttare questa nuova opportunità."

All'appello si aggiunge Ravi Guru Singh, un altro dei pionieri e creatori digitali del costume indiano, presente anche nella sua versione avatar nel metaverso Crypto Fashion Week grazie al co-lavoro di Lorena Bello. La prima Crypto Fashion Week, curata da Lady PheOnix, si è tenuta il 17 Settembre 2021 ed è stata seguita da circa 3 milioni di utenti sparsi per tutto il web. 

“Penso che in futuro Meta Gala potrebbe beneficiare di un mix di influencer reali e digitali, che indossano abiti che sfidano la fisica, in uno spazio virtuale che sfida esso stesso la fisica, e al quale i partecipanti possono unirsi indossando un visore VR.”

Realtà Aumentata e Virtuale rappresentano dunque un connubio che potrebbe dare ancora più visibilità ed accessibilità alle opere di artisti come Rebecca Minkoff, anch'essa presente con il suo virtual makeup rivelato dalla lab NYX Professional Makeup per 'vestire' il rendering della modella asiatica Mimi Choi, o a curiose partecipazioni come quella della modella trans-human Ruby 9100m e della digital  influencer Lil Miquela, che durante la sfilata digitale indossava il vestito NFT progettato da Karl Lagerfeld, creative director di Chanel.

Nike vs Adidas 
La corsa ai metaversi è dunque iniziata, e brand come Nike e Adidas non si sono fatti cogliere impreparati. Al grido di “Into the Metaverse”, Adidas ha lanciato una collezione virtuale in collaborazione con BoredApes YachtClub, Gmoney e Punks Comics, mentre Nike ha acquistato RTFKT, azienda di vestiari NFT il cui intento è imporsi sul mercato dei crypto indumenti. Nike si è tra l’altro adoperata per la creazione di un proprio mondo virtuale – Nikeland – all’interno del metaverso del colosso del gaming Roblox. Il metaverso targato Nike è modellato sulla base del quartier generale della società, ed include edifici, campi da gioco ed arene in cui i giocatori di Roblox possono testare le proprie skills e competere tra loro partecipando a vari mini giochi (che tra l’altro possono anche creare da zero). Nikeland si prepara dunque ad essere un metaverso votato allo sport, all’interno del quale i giocatori possono adornare i propri avatar con i capi a marchio Nike, anche in esclusiva. Uno degli obiettivi di Nike sarebbe infatti quello di utilizzare il metaverso come un luogo (virtuale) in cui testare l’approvazione del pubblico nei riguardi di nuovi prodotti. “Se i ragazzi lo indossano su Nikeland, allora lo indosseranno nel mondo fisico”, specifica Sam Poser, un analista che si occupa di Nike presso il Williams Trading.

Diesel
Anche il fondatore di Diesel, Renzo Rosso, ha iniziato ad investire nel metaverso. Dopo il lancio di un modello di sneaker a marchio Diesel – "The Prototype" – abbinato ad una versione NFT in edizione limitata, Only The Brave (Otb) ha infatti creato una società interamente votata all’ideazione e alla realizzazione di progetti destinati alla nuova frontiera del mondo virtuale: il metaverso. A capo della newco, chiamata Bvx-Brave Virtual Xperience, c’è Stefano Rosso, già membro del board della holding Otb. Nello specifico, Bvx-Brave Virtual Xperience si occuperà di sviluppare progetti e contenuti per i diversi marchi controllati dal gruppo – tra cui Diesel, Maison Margiela, Marni, Jil Sander e Viktor & Rolf – gestendo i contatti con i principali player del panorama blockchain, crypto e del gaming online. Lo scopo dell’operazione consiste nel creare nuove modalità di interazione con il cliente, anche attraverso la proposta di esclusivi NFT, rafforzando così l’engagement dei marchi all’interno di tutto il mondo digitale.

“Con Bvx vogliamo essere pionieri del digitale nella nostra industria, presidiando il mondo virtuale e anticipando le richieste delle nuove generazioni di consumatori”, spiega Renzo Rosso.

H&M
Anche H&M sta per sbarcare nel mondo dei metaversi. La catena svedese sta infatti valutando concretamente l’idea di aprire il suo primo negozio virtuale all’interno del metaverso di Ceek, azienda che offre servizi digitali collegando artisti, atleti e creatori digitali direttamente con i loro fan nei mondi virtuali. Lo store virtuale di H&M verrebbe allestito come un vero e proprio punto vendita del brand, con tanto di manichini, cartelli con sconti e registratore di cassa. Al suo interno verrebbero venduti sia NFT di abiti digitali, che abiti reali (da ordinare e ritirare nei negozi fisici), pagabili in Ceek Coins, la valuta di Ceek City.

Non solo aziende…
Oltre ai vari brand, sono diverse le figure di spicco all’interno del mondo della moda che hanno iniziato a sfruttare le innumerevoli opportunità offerte dal mondo degli NFT e dei metaversi. Le super modelle Kate Moss e Valentina Sampaio, ad esempio, quest’anno hanno debuttato con i loro primi NFT. 'Moments in Time' è una collezione di 3 short film incentrati sulla quotidianità della Moss, mentre 'Lambada Dyed Red White Blue' è un vestito in CGI (lanciato al Met Gala) nei colori del bianco, rosso e blu, realizzato dalla Sampaio in collaborazione con il digital artist NERI e la blockchain company leader del settore fashion LUKSO. L’NFT della Sampaio, realizzato a supporto della comunità LGBT, è stato venduto all’asta per $300.000, e tutti i proventi sono andati in beneficenza alle associazioni The Ali Forney Center, GLAAD, e Pride Live. L’NFT della Moss è invece stato venduto per  5.1699 ETH, corrispettivo di $16.000.

Prospettive future
Dove possa arrivare questa corsa ai metaversi non possiamo saperlo. Quel che è certo è che, grazie alle loro infinite possibilità di applicazione all’interno del panorama digitale, ultimamente gli NFT hanno acquisito una popolarità senza precedenti. Inoltre, il metaverso non costituisce più un concetto vago tirato fuori da un film di fantascienza, ma rappresenta già la realtà, e nei prossimi anni lo vedremo evolvere in modi che ora probabilmente fatichiamo persino ad immaginare. Geeks Academy, che da sempre si impegna ad anticipare le tendenze e a rendere reale cioè che è virtuale, è stata tra le prime realtà in Europa ad intuire le infinite potenzialità offerte del metaverso. Per questo ha creato dei corsi di formazione finalizzati a formare gli architetti del metaverso di domani, facendogli vivere l’esperienza del metaverso in prima persona! 

Scopri l’offerta formativa di Geeks Academy nell’Area Gaming & Virtual Reality: 

Condividi con:



Ultimi Articoli:

CYBERSECURITY VS BLOCKCHAIN: IL CASO WORMHOLE

CYBERSECURITY VS BLOCKCHAIN: IL CASO WORMHOLE

Grazie alla nascita del movimento DeFi e la conseguente adozione delle criptovalute, i cyber-criminali hanno preso di mira la blockchain. Analizziamo alcuni dei casi più sensazionali.

TETHER: MONETA DIGITALE STABILE

TETHER: MONETA DIGITALE STABILE

La terza posizione del mercato crypto è occupata da una moneta ancorata al valore del dollaro: Tether, la stablecoin per eccellenza del mondo crypto, guidata dalla solida azienda Tether Limited.




TUTTI GLI ARTICOLI

I nostri Partner

powered by dunp