Geek Academy

Intervista a Davide Pelosi, docente e membro del comitato scientifico Geeks Academy

Il docente del workshop in Blockchain ci spiega l’importanza attuale e futura di questa tecnologia invitando i giovani a partecipare a questa rivoluzione grazie ai corsi della Geeks Academy

Intervista a Davide Pelosi, docente e membro del comitato scientifico Geeks Academy

Condividi su:

Davide Pelosi, ci racconta la sua formazione e l'inizio della sua collaborazione con la Geeks Academy?

La mia formazione parte da lontano. Ho lavorato inizialmente per società di consulenza italiane, partecipando a progetti in ambito militare e civile. Ho avuto la fortuna di immergermi in realtà in cui l'ingegneria del software era praticata ai massimi livelli e ancora era necessario gestire concetti di programmazione come puntatori e thread. Questa formazione mi ha dato le basi per affrontare le sfide successive, quando ho avuto l'opportunità di avvicinarmi e lavorare con aziende software e system integrator internazionali. Ho ricoperto vari ruoli, da consulente, a project manager, a pre-sales, sempre interessandomi di sofware aziendale. Ho poi intrapreso la strada della libera professione, continuando a fare consulenze su tecnologie innovative e portando le mie conoscenze e la mia esperienza in aula. Geeks Academy è stato per me un passaggio naturale. Ho creduto da subito nella vision del suo CEO e sul fatto che la proposta formativa di Geeks Academy è l'unica che attualmente può garantire un accesso veloce al mondo del lavoro passando dalla porta delle tecnologie di ultima generazione. È stata ed è una collaborazione a doppia via. GA è un'organizzazione fluida, in grado di convogliare e concretizzare idee innovative in ambito formazione.

La tecnologia Blockchain è stato l'argomento dell'ultimo workshop per il ciclo Domeniche Geeks. Quanto è importante la tecnologia Blockchain e come ha rivoluzionato il panorama economico?

Blockchain è oggi conosciuta principalmente come infrastruttura tecnologica su cui si basano tutte le monete virtuali, le cosìdette crypto currencies, prima fra tutte Bit Coin. Questa è già una rivoluzione che sta lentamente cambiando il modo di concepire l'economia reale e specialmente gli scambi finanziari. Tutto questo, in qualche modo, l'abbiamo metabolizzato. Ma se analizziamo gli investimenti che interi settori economici, a partire da quello bancario, stanno facendo su questa tecnologia, capiamo che non è tutto qui…

Blockchain è in effetti una tecnologia che, a detta di molti, potrebbe cambiare gli equilibri su cui si basa la società civile (e non solo) su scala mondiale!

Per semplificare, Blockchain mette a disposizione dell'intera comunità un database inattaccabile, che non conosce disservizio, che non ha controllori e che registra transazioni di tutti i tipi senza che queste possano poi essere modificate a posteriori. Tutti i tipi di transazione avvengono direttamente tra gli attori interessati, senza necessità di intermediari!

Immaginate che ognuno di noi possa creare un'attività di commercio elettronico senza che serva una piattaforma come Amazon o eBay a garantire che gli scambi avvengano secondo un preciso contratto approvato tra le parti, che non sia più necessario pagare un servizio per questo perché i meccanismi di Blockchain, basati su algoritmi distribuiti su tutte le macchine che appartengono alla rete, compresa la nostra, garantiscono la correttezza delle transazioni, così come le abbiamo stipulate (consensus). Che non sia più necessario fornire i nostri dati privati, dati anagrafici, carta di credito e che quindi il commercio di queste informazioni scompaia totalmente. Immaginate che vengano a crearsi servizi di welfare sovrastatali, gestiti dalla rete mediante Blockchain e che arrivati ad una certa età ci venga pagata la pensione esattamente come contrattualizzato, senza che nessuno possa intervenire per ridurla o per modificarne il valore; semplicemente la pensione ci verrà accreditata automaticamente nel nostro portafogli elettronico. Possiamo continuare con mille esempi dello stesso genere… Insomma una vera rivoluzione!

La Blockchain non è solo la tecnologia alla base dei Bitcoin. Quali sono le sue altre applicazioni?

Questa domanda ci riporta alla precedente. Le applicazioni sono innumerevoli e riguardano tutti gli aspetti della nostra vita: ci sono stati in via di sviluppo, Ghana e Uganda per esempio, che stanno sperimentando Blockchain per registrare le proprietà terriere. In questi paesi ad altissima corruzione e malavita, i registri pubblici non sono infatti affidabili, e spesso e volentieri contengono trascrizioni solo a partire dagli inizi del ‘900. Basti pensare che il problema della compravendita affidabile di una proprietà viene oggi risolto acquistando delle polizze assicurative che coprano il danno nel caso in cui la proprietà venga reclamata da terzi!

Blockchain è poi utilizzata per registrare qualsiasi transazione che comporti lo scambio di un bene, sia esso moneta, una partita d'oro, delle azioni commerciali, etc. In questo senso si sta pensando di utilizzare Blockchain per registrare le partite di diamanti e quindi far venire allo scoperto il mercato illecito di partite provenienti da paesi soggetti per vario motivo ad embargo.

In quali ambiti della vita quotidiana si usa la tecnologia Blockchain?

A parte l'utilizzo dei Bit Coin e delle crypto currencies, ci sono molte start up che stanno esplorando Blockchain e investendo in idee futuristiche. Ancora non possiamo dire che la tecnologia sia matura. Ci sono infatti ancora molte riserve rispetto alla sicurezza, alla governance della rete stessa, a chi sarà in grado in futuro di avere la capacità di elaborazione necessaria a mantenere Blockchain in vita. Gli analisti ci dicono che Blockchain inizierà ad entrare effettivamente nelle nostre vite dopo il 2020.


Perché e a chi consiglierebbe un corso della Geeks Academy? Che tipo di figure forma?

Abbiamo parlato di Blockchain, di una tecnologia su cui stanno investendo capitali istituzioni che stanno cercando di immaginare quale potrà essere il loro ruolo in futuro. Le skills per lavorare con questa tecnologia, così come molte altre tecnologie “cutting edge” di cui abbiamo sentiamo parlare, sono necessarie oggi, che ormai è quasi ieri. Gli attuali percorsi universitari non hanno la dinamicità e i tempi per attrezzarsi a produrre figure preparate e professionali capaci di coprire questa richiesta adesso. Ecco, consiglierei Geeks Academy ad un giovane che vuole partecipare a questa rivoluzione oggi! Che voglia cogliere opportunità lavorative altrimenti inaccessibili e prepararsi al futuro! Il network di formazione digitale Geeks Academy (oggi eroga corsi a Roma, Milano e Bologna) grazie alla sua formazione non burocratica (non servono titoli per accedervi), all'approccio “olistico” (accanto alle competenze tecniche si preoccupa di sviluppare anche le softskills) e alla sua missione autenticamente “inclusiva” (possono partecipare ai suoi corsi anche i principianti a prescindere dall'età o dal precedente percorso formativo e professionale) è un potente veicolo di modernizzazione del paese che forma solo profili professionali fortemente richiesti dal mercato del lavoro 4.0 e più precisamente negli ambiti: cybersecurityethical hackingbig datamachine learninganalisti softwaresviluppo videogiochiuser experience designdigital marketinginternet of things.

 

LEGGI TUTTE LE NEWS