Geeks Academy

5 motivi per cui la Blockchain è essenziale per il futuro della tecnologia

Blockchain: l'Internet del XXI secolo

 5 motivi per cui la Blockchain è essenziale per il futuro della tecnologia

Le infinite applicazioni della tecnologia stanno attraendo miliardi di dollari di investimenti, e nei prossimi anni rivoluzioneranno il mondo tecnologico per come lo conosciamo noi.

La blockchain può cambiare il futuro? Beh… dipende da come ti ricordi il passato.

Ti ricordi ad esempio dell'8 novembre 2016? Allo scoccare delle 8 di sera la maggior parte degli indiani si stava probabilmente togliendo le scarpe e preparandosi a rilassarsi un attimo dopo una lunga giornata di lavoro. Ma un fulmine a ciel sereno scosse il popolo indiano, e l'economia indiana risente ancora oggi degli effetti di questo colpo: il Primo Ministro Narendra Modi durante uno dei suoi più famosi (e infami) discorsi in diretta nazionale revocava l'utilizzo delle banconote da 500 e da 1000 rupie. Nel giro di 40 minuti, Modi parlò di denaro sporco 17 volte, mentre gli indiani ascoltavano in silenzio, sbalorditi.
Con l'86% della valuta spazzata via nel giro di una notte, i mesi successivi furono per l'India e per molti dei suoi cittadini un periodo doloroso. Molti furono obbligati a impiegare gran parte del loro tempo in coda per poter prelevare il poco che gli ATM consentivano di prelevare. Sono state riportate numerose morti che possono essere direttamente o indirettamente collegate alla demonetizzazione, anche se ad oggi il governo continua ad affermare che fosse una mossa assolutamente necessaria.
Molti stanno rivivendo quei giorni traumatici nell'ultimo scandalo bancario ad opera della Punjab and Maharashtra Co-operative (PMC) Bank, che sta impedendo ai cliente di prelevare i propri soldi. 

Ma.. che c'entra la blockchain con tutto questo? Il fatto che i governi abbiano una presa così forte sulla valuta e siano in controllo di ogni suo aspetto è piuttosto inquietante. Blockhain fu vista come una risposta a questo, con Bitcoin. Bitcoin venne sviluppato precisamente per eliminare questo controllo da “grande fratello” sulle transazioni quotidiane e sulla valuta.

Cinque motivi che dimostrano che la Blockchain è il futuro

Le criptovalute costruite sulla blockchain, come Bitcoin, sono decentralizzate e utilizzano un ledger (libro mastro) distribuito per tener traccia, controllare e monitorare il flusso delle transazioni. Questo sistema elimina le banche centrali e i governi e restituisce il controllo agli utenti - almeno a quelli che sanno cosa stanno facendo. Ma non è utile solo al mondo finanziario: la blockchain può anche eliminare la necessità di intermediari in numerosi campi, portando efficienza e trasparenza ai massimi livelli ed eliminando la corruzione.

    1. Nessun intermediario
    2. Diverse implementazioni
    3. Potenziale
    4. Rapida crescita dei valori di mercato
    5. Fiducia dei dirigenti d'impresa

Come abbiamo già spiegato nel nostro articolo “Blockchain: l'Internet del XXI secolo”, blockchain è una registrazione immutabile di eventi e transazioni che possono essere estese a un gran numero di operazioni e di casi di utilizzo.
In un'intervista con Inc42, il fondatore di 100X.VC Sanjay Mehta ha dichiarato: 

“Le app hanno seguito la strada dei Bitcoin e sono ora basate sulla blockchain. Vedremo molte app adottare piattaforme decentralizzate P2P in cui utenti e produttori entreranno in comunicazione senza alcuna necessità di una parte terza. Vedremo molte startup P2P dare parecchi pensieri a Uber e Amazon”.

La tecnologia cresce velocemente e secondo un sondaggio condotto da Deloitte, il 61% degli americani, il 47% dei cinesi e il 54% dei cittadini di Singapore concorda con l'idea che la blockchain è modulare e raggiungerà prima o poi un'ampia diffusione.
Quindi quali sono i punti della blockchain che la rendono così appetibile alle società? Diamo un'occhiata.

Blockchain elimina il gioco degli intermediari

Blockchain utilizza la Distributed Ledger Technology o DLT, tradotta in italiano come Registro Distribuito, che fa sì che i dati non siano mai salvati in un singolo luogo, ma sparsi fra più nodi o utenti. Anche se non tutte le blockchain funzionano in questo modo, quasi tutte le applicazioni di blockchain sono fissate al proprio DLT. Questo tiene ogni nodo/utente al passo con gli sviluppi del resto della catena. Le transazioni vengono registrate sotto forma di blocchi che vengono poi aggiunti solo dopo un processo di verifica e di validazione fatto tramite un Proof-of-Stake o un Proof-of-Work. Una volta aggiunti, i blocchi non possono essere rimossi o modificati, il che rende la blockchain più sicura dei documenti cartacei, dei database tradizionali e di altre opzioni.
Questo non elimina solo la necessità di un revisore esterno: riduce anche la possibilità che qualcuno manometta o manipoli i dati. C'è la possibilità di un attacco 51% durante il quale se abbastanza nodi partecipano i protocolli possono venire modificati, ma comunque anche questo sarebbe registrato e sarebbe facile risalire ai nodi che hanno dato inizio all'attacco.

Blockchain è più forte rispetto alla tecnologia convenzionale in termini di sicurezza, cyberdifesa, affidabilità e scalabilità.

Nel caso di Bitcoin o di criptovalute, la transazione in valuta elettronica fra pari non è nulla di più che uno scambio di informazioni, da cui l'idea di utilizzare lo stesso tipo di scambio in altri casi. Molte banche indiane hanno già adottato un gran numero di applicazioni basate sulla blockchain, ad esempio per il trattamento delle fatture, la scontistica, l'eKYC, l'autenticazione dei documenti e la verifica tramite firma digitale, l'emissione di lettere commerciali e di altri documenti commerciali. In un qualche momento, tutti questi processi avevano bisogno di un intermediario, di un agente o di un auditor che completasse uno degli aspetti della transazione, il che introduceva la possibilità di corruzione o atti illeciti o mala gestione.

Una Blockchain per ogni necessità

Come abbiamo già detto, non tutte le blockchain sono decentralizzate. Una blockchain può essere pubblica, privata o permissioned, o avere una combinazione di queste proprietà in un unico protocollo. Prendiamo ad esempio Libra di Facebook: a differenza di Bitcoin e molte altre criptovalute, Libra, nonostante sia basata sulla Libra blockchain, sarà controllata e monitorata dalla Libra Association. Questa associazione include Facebook e altre compagnie partner che hanno intenzione di usare Libra per trarne profitto e non come criptovaluta non-profit quale è Bitcoin.
Questa possibilità di variazioni, però, rende la blockchain così versatile che la tecnologia è ora usata sempre più per applicazioni anche non legate al fintech. Per menzionarne alcune: archiviazione di dati medici, firma di contratti vincolanti, tracciamento del flusso merci, archiviazione di documenti personali, registro catastale, verifica di fonti e notizie in caso di fake news.

Il mercato della blockchain continua a crescere

Secondo la International Data Corporation (IDC), il livello di spesa per la blockchain crescerà a ritmo spedito fra il 2018 e il 2023, con un tasso di crescita annuale del 60,2%. Ad agosto, la IDC ha pubblicato la “Guida globale semestrale in Blockchain Spending”, nel quale viene indicato che le spese per la blockchain previste per il 2019 sono di circa 2,7 mld $, con un incremento dell'80% se paragonato al 2018.
L'industria bancaria è in testa a chi spende di più, con circa il 30% delle spese totali al mondo, seguita dalla produzione discreta e dall'industria di processo, con una spesa combinata che copre circa il 20% delle spese globali, secondo il report.
Anche in India il mercato per la blockchain è promettente grazie alle proprietà uniche della blockchain, che si prestano alla risoluzione di molti problemi del business, specialmente per piccole e medie imprese. Ad esempio, PARAM Network vuole cambiare il mondo in cui le società processano le fatture elettroniche. La soluzione blockchain PARAM promette non solo di ridurre il costo della fattura di 6$ (circa la metà del costo attuale), ma anche di automatizzare l'intero processo rendendolo al contempo trasparente. Questo riduce anche il tempo di evasione della pratica e la verifica del processo.

I governi si rivolgono alla blockchain per la trasparenza

Fra i paesi che hanno adottato soluzioni blockchain in grande scala, l'Estonia è un esempio lampante di come la blockchain possa apportare efficienza nell'amministrazione e facilitare il commercio. Estonia ha usato la blockchain KSI per numerosi servizi governativi elettronici. La blockchain viene usata per vari servizi digitali in Estonia, quali l'archiviazione digitale di dati medici, un database delle ricette, giustizia, ambito legale, bancario, registrazione delle società e archivio catastale.
In India, il governo ha recentemente reso noto che Lok Sabha (la Camera bassa del Parlamento indiano) è al lavoro per sviluppare un National Blockchain Framework. NITI Aayog ha già pubblicato un White paper sulla blockchain in cui esamina le sue applicazioni per servizi di e-governance nei diversi settori e regioni.
Organizzazioni internazionali fra cui la NATO, l'ONU e la Banca Mondiale hanno adottato la blockchain per diversi compiti, fra cui l'emissione di obbligazioni. Compagnie importanti come Microsoft e Accenture hanno lavorato insieme per creare il prototipo di un sistema di identità digitale per un progetto ONU che aspira a fornire un'identificazione legale a oltre 1 miliardo di persone al mondo.
Con questo sistema, le informazioni personali di una persona potrebbero facilmente essere condivise con fornitori di servizi e agenzie governative, senza per questo compromettere come sarà utilizzato o dire all'utente se le sue informazioni sono state condivise con parti terze. 

Gli imprenditori credono nella Blockchain

Dei 1386 dirigenti provenienti da dozzine di Paesi che hanno partecipato al sondaggio di Deloitte, l'86% (nel 2018 era l'84%) ritiene che la blockchain diventerà presto mainstream. Questo dimostra che la maggior parte degli imprenditori e delle corporations sta riflettendo seriamente sull'adozione della blockchain. 
In un report, Gartner scrive che il valore aggiunto di affari della blockchain passerà a più di 176 mld $ nel 2025 a oltre 3 trilioni di dollari entro il 2030, ovvero una crescita esponenziale.
In base al sondaggio di Deloitte, l'81% dei partecipanti ha anche detto di star pianificando la sostituzione dei loro attuali sistemi di archiviazione con tecnologia blockchain, mentre il 77% crede che il loro business possa perdere mercato o terreno, se non dovesse adottare la blockchain. Infatti, la questione principali per gli imprenditori industriali non è se dovrebbero o meno adottare la blockchain, ma come utilizzare la blockchain per i propri scopi. 
Questa evoluzione è molto interessante, come suggerisce Gartner nelle sue ricerche di mercato: entro il 2021, il 90% delle attuali implementazioni aziendali delle piattaforme blockchain richiederà un rimpiazzo per rimanere competitiva, sicura e evitare di diventare obsoleta. Questo indica un futuro sano per l'innovazione e l'iterazione della blockchain, e questo è un segnale positivo per qualsiasi nuova tecnologia.

 

Non aspettare di vedere il futuro come uno spettatore.. siine protagonista! Iscriviti ai Geeks Academy per diventare un epserto di tecnologia blockchain!
BLOCKCHAIN DEVELOPER PROFESSIONAL @Roma: Formazione completa dalle basi all'azienda
BLOCKCHAIN EXPERT PROFESSIONAL @Milano - Formazione completa dalle basi all'azienda
BLOCKCHAIN 4 BUSINE$$ @Milano @Roma - La spinta giusta alla tua carriera

 

Articolo originale qui.

Condividi con:



Ultimi Articoli:

OPEN DATA = ORO GRATUITO. MA COSA SONO GLI OPEN DATA?

OPEN DATA = ORO GRATUITO. MA COSA SONO GLI OPEN DATA?

Se dovessi esprimere le mie opinioni sul futuro digitale - quello dell’Europa o del mondo intero - potrei farlo con una parola sola: dati” Andrus Ansip (2015) VP EU Digital Single Market

CRYPTO ASSETS: IL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI VEDE L’ENNESIMO DISEGNO DI LEGGE

CRYPTO ASSETS: IL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI VEDE L’ENNESIMO DISEGNO DI LEGGE

Un membro repubblicano del Congresso degli Stati Uniti presenta l’ultimo disegno di legge per chiarire e determinare quale regolatore statunitense sia responsabile di quali digital assets.




TUTTI GLI ARTICOLI

I nostri Partner

powered by dunp