geeksAcademy

JAVASCRIPT: NON SOLO SVILUPPO WEB

JavaScript è stato ideato per la parte front-end dei siti web. Grazie alla sua semplicità, è divenuta la scelta numero uno per la creazione di siti web. Scopriamone le potenzialità!

JAVASCRIPT: NON SOLO SVILUPPO WEB

Scopri gli articoli di Geeks Academy su: Blockchain, Coding, Cybersecurity, Cloud, Big Data, Artificial Intelligence, Gaming, Digital Innovation

Il campo dell’informatica è in costante sviluppo e il suo processo evolutivo non ha mai fine. La costante evoluzione è perciò una caratteristica insita e i linguaggi di programmazione, nel tentativo di stare al passo a questa corsa infinita al miglioramento, accusano spesso il peso del continuo aggiornamento. Tuttavia, è proprio questo continuous improvement a mettere in risalto quali linguaggi sono i vincitori dell’era digitale e quali invece non performano (o non fanno breccia in larga scala) come dovrebbero o come ci saremmo aspettati. Se però vi state chiedendo se oggi proclameremo il vincitore, così non sarà. La verità è che ogni linguaggio di programmazione (quantomeno tra i più popolari e utilizzati) è ottimo per determinati casi d’uso. Spesso sentiamo nominare Python tra i linguaggi di programmazione emergenti di maggior successo e questo è assolutamente vero. Però, quello che non viene normalmente sottolineato è l’ambito d’uso nel quale un linguaggio di programmazione eccelle. Python è certamente uno dei re a sedere sul trono ma esso domina e brilla in ambiti quali data science, machine learning, AI e la data analysis in toto. E se dovessimo creare un app? O magari un sito web? Certamente Python può fare anche questo ed esistono varie librerie e framework dedicati alla creazione di siti web (come Django) ma secondo gli analisti, il re indiscusso in ambito siti web è un altro.

Storia e sviluppo
Attraverso le analisi di Stack Overflow, possiamo affermare che JavaScript è il linguaggio più utilizzato al mondo. Perché? Secondo le statistiche degli esperti, circa il 98% dei siti web sono scritti in parte (o quasi interamente) in JavaScript. Ma facciamo un passo indietro.
JavaScript è stato inventato da Brendan Eich nel 1995. È stato sviluppato per Netscape 2, popolare web browser. Inizialmente chiamato “Mochan” e successivamente “LiveScript”, è stato in seguito rinominato "JavaScript". Durante la sua prima fase evolutiva, la sintassi di JavaScript si è avvicinata in parte a quella del linguaggio Java, con il quale hanno ben poco in comune se non il nome. Apparentemente, Brendan Eich, conoscendo il dominio di Java in quel periodo, ha strategicamente scelto un nome simile per attirare attenzione a livello di marketing.
JavaScript è stato ideato principalmente per la parte front-end dei siti web, quindi lato client. Grazie alla sua semplicità, è divenuta la scelta numero uno per la creazione di siti web dinamici e interattivi. Negli ultimi anni, grazie alla creazione del framework Node.js, JavaScript ha finalmente espanso i suoi orizzonti: Node.js permette infatti di utilizzare il linguaggio JavaScript al di fuori del browser, quindi, oltre ad essere applicabile nel back-end, lato server, può inoltre essere adattato alla creazione di applicazioni e software. Alcune delle aziende che sfruttano al meglio le grandi potenzialità sinergiche di JavaScript e Node.js sono LinkedIn, Microsoft, Paypal, IBM e Netflix.

Opportunità lavorative
La comunità di JavaScript è tra le più attive e settimanalmente JavaScript e i suoi framework, librerie e tools ricevono sostanziosi aggiornamenti e miglioramenti. Proprio per questo JavaScript è tra le skill più richieste nell’ambito del coding. Come accennato precedentemente, JavaScript è ormai leader in ambito web e, assieme a Python, la richiesta di profili specializzati supera di molto il numero di profili attualmente disponibile. Al momento, la richiesta su LinkedIn per JavaScript Developer nel territorio statunitense supera i 37.000 annunci e i 38.000 in Europa. Secondo le statistiche di DevSkiller, rilevate in 143 paesi, quasi il 40% delle aziende IT è alla ricerca di profili Junior con conoscenze di JavaScript.
E gli stipendi? In Europa, secondo i dati di Glassdoor, gli stipendi superano mediamente i €45.000 e quasi $93000 in Nord America. Gli stipendi sono ovviamente rapportati al tipo di conoscenze del profilo in questione. Nonostante JavaScript sia principalmente una skill da front-end developer, l’aggiunta di ulteriori competenze quali altri linguaggi di programmazione, e conseguente upgrade del proprio profilo a full-stack developer, permette opportunità migliori sia a livello di carriera che economiche.

Perché imparare a programmare?
Nonostante l’idea errata sulle difficoltà d’apprendimento di un linguaggio di programmazione – e tralasciando i vari meme sulla solitudine dei programmatori – imparare un linguaggio di programmazione non è un’attività da ingegneri aerospaziali. Non serve essere Albert Einstein o Elon Musk per poter imparare Python, JavaScript o Solidity. Ma perché dovrei imparare a programmare?

  • Stipendi competitivi: in base alle vostre competenze, il numero di linguaggi che conoscete, i casi d’applicazione dei vostri linguaggi, i vostri compensi saranno sicuramente più alti rispetto agli stipendi medi. Alcuni programmatori guadagnano più di $100.000 l’anno. E tu che aspetti?
  • Programmazione e soft skill: un programmatore che si rispetti è un profilo con delle doti che vanno oltre la mera scrittura di codice. Essere organizzati, avere capacità di problem solving, saper lavorare di squadra. Anche se la programmazione non sarà il vostro obiettivo principale, possederne l’esperienza aiuta nella costruzione di un solido CV.
  • Numerose opportunità lavorative: provate a digitare JavaScript, C#, Python o qualunque altro linguaggio di programmazione e resterete sorpresi dalla quantità di annunci disponibili. Parliamo di decine e decine di migliaia di annunci. E se il lavoro è dall’altra parte del mondo?
  • Lavoro in remoto: nell’era post-pandemia, il lavoro da casa è la nuova normalità. Non importa se la sede della vostra azienda è in Italia, Germania, Stati Uniti o India. Avrete sempre l’opportunità di espandere le vostre collaborazioni a 360 gradi.
  • Orari di lavoro flessibili: il programmatore lavora a progetto. Ha delle scadenze da rispettare ma ha la facoltà di gestire i suoi orari di lavoro. Questo permette una migliore organizzazione degli orari di lavoro e del tempo libero. Un lusso non da poco.
  • Esprimere creatività: non bisogna essere per forza disegnatori, musicisti, pittori o scultori per esprimere la propria creatività. Imparare un linguaggio di programmazione è come imparare la lingua inglese, tedesca o cinese. Se state studiando l’inglese, una volta acquisite le conoscenze di base nulla vi impedisce di diventare i nuovi Shakespeare. La programmazione, una volta acquisita la logica di base, permette di dare vita a software, applicazioni, siti web e molto altro. Le possibilità sono infinite!

Non vivere il futuro da spettatore… diventane il protagonista! Iscriviti ai percorsi Geeks Academy per lavorare nelle nuove professioni della Digital Economy grazie ai percorsi dell’area Blockchain & Coding:

Fonti:
https://insights.stackoverflow.com/survey/2020#technology-programming-scripting-and-markup-languages-professional-developers
https://careerfoundry.com/en/blog/web-development/javascript-developer-salary-guide/

Condividi con:



Ultimi Articoli:

ANTONIO: DALLA GRANDE DISTRIBUZIONE ALLA CYBERSECURITY

ANTONIO: DALLA GRANDE DISTRIBUZIONE ALLA CYBERSECURITY

Scopri la storia di Antonio, che dalla sua posizione di manager in una nota catena di supermercati si sta reinventando come esperto di Cybersecurity con il corso Specialist Mastery

ILENIA E CARMINE: DALLA RISTORAZIONE AI LAVORI TECH

ILENIA E CARMINE: DALLA RISTORAZIONE AI LAVORI TECH

Sfatare i falsi miti sui giovani: Carmine e Ilenia, conciliano lavoro nella ristorazione e studio con Geeks Academy per entrare nel mondo tech. Qui ci raccontano i loro sogni.

ANTONIO: COME HO RIVOLUZIONATO LA MIA CARRIERA CON I BIG DATA

ANTONIO: COME HO RIVOLUZIONATO LA MIA CARRIERA CON I BIG DATA

Scopri come Antonio ha rivoluzionato la sua carriera passando da un background in geofisica a un ruolo di successo nel campo dei Big Data


DA ECONOMISTA A LEADER IN TECNOLOGIA: IL VIAGGIO DI CANDIDA

DA ECONOMISTA A LEADER IN TECNOLOGIA: IL VIAGGIO DI CANDIDA

La storia di Candida, economista divenuta Senior Project Manager grazie alla formazione continua, dimostra come la formazione mirata possa aprire porte inaspettate.

TUTTI GLI ARTICOLI

I nostri Partner

Web Design and Development by dunp